Perché visitare Budapest in inverno

il 2017 è iniziato con un breve viaggio a Budapest per cercare ispirazione per il prossimo numero di Blossom zine. Chi mi segue su facebook ha visto in diretta le foto e alcuni video di questa meravigliosa città ungherese.

Oggi invece volevo sintetizzarvi in 10 punti il perché vale la pena visitarla in inverno.

1 perché fa freddo

ma proprio freddo, le temperature di settimana scorsa sono scese da -8° a -12°

ma è un’esperienza che volevo provare .. andare a Nord per sentire il vero freddo.

E comunque l’aria fredda e la luce lattiginose erano perfette per scattare delle belle fotografie, visto che ormai tra facebook e instagram siamo sempre alla ricerca di posti belli e ideali da fotografare !

 

2 per assaporare la cioccolata al peperoncino, alle mandorle o al cocco

nei locali più antichi della città, punti di ritrovo dei letterati e degli artisti, come al New York Café dove lo sfarzo dei soffitti decorati e la raffinatezza dei lampadari ci riportano al fascino della Belle Epoque.

al Central Kavehaz Café ovvero il più antico caffè dei letterati, aperto nel lontano 1887 … che dire le fotografie lo dimostrano, bellissimo!

l’Alexandra Bookcafé – Lotz Terem che si trova al secondo piano della omonima Alexandra Bookstore, una magnifica caffeteria dai soffitti decorati in oro. Ora il palazzo è una libreria, ma all’epoca fu il primo grande magazzino di Budapest ovvero il Parigi Department Store. Chissà che sogno che doveva essere.

 

3 per fare un bagno alle Terme, ma quelle esterne !

Terme Gellert in perfetto stile liberty, le piastrelle colorate e i mosaici sono da mozzafiato.

Internamente le vasche hanno temperature da 32° a 40°, sono davvero molto belle e l’atmosfera è riposante; e considerando il freddo che si prova durante la visita a piedi della città, una sosta alle terme è davvero molto gradevole.

La piscina termale esterna, al primo piano, era a 36° e la temperatura dell’aria era a – 10°, ma in realtà stando nell’acqua fino al collo non si sentiva freddo.

Con il suggestivo vapore che esce dall’acqua potrete fare foto di grandissimo effetto.

Provare per credere, cercate su instagram #gellert #thermalbaths

 

4 per vedere il fiume Danubio, magari ghiacciato.

Dopo il terzo giorno con la temperatura di -12° e -15° di notte, il Danubio inizia a ghiacciare.

Ma se non siete così fortunati da immortalarlo nelle vostre fotografie, non importa, sarà sufficiente anche solo una gita a piedi lungo il fiume.

Per vedere la scultura Scarpe sulle rive del Danubio e per ricordarsi l’eccidio dei cittadini ebrei durante la seconda guerra mondiale.

Per vedere il Parlamento, ovvero il simbolo della città ungherese, un palazzo fastoso in stile neogotico … e qui le foto vi verranno strepitose.

Per prendere il tram n° 2 che costeggia il Danubio, da sud a nord fino al capolinea e ammirare il fiume, magari al tramonto, che in questo periodo è prestissimo intorno alle 16.30, e contemplare la città che cambia aspetto e si illumina di lucine bianche … dagli alberi ai palazzi. { Comunque se avete freddo è l’ideale per viaggiare e magari registrare dei video }

5 per perdersi nei molti locali della Gozsdu udvar
E’ un complesso di ben sette edifici con un unico passaggio che li collega, formando così 6 cortili dove all’interno si trovano caffetterie, bar, pub e gallerie. Praticamente è la movida di Budapest, quindi bisogna andarci!

 

 

 

 6 per fare una gita in metropolitana M4 a visitare le stazioni Szent Gellért tér, Fővám tér e Rakoczi tér.

{ tanto fuori ci sono – 8 gradi }

la linea del metro è la M4 e le stazioni progettate dallo studio di architettura Spora Architects sono Szent Gellért tér e Fővám térs e … sono magnifiche, assolutamente da vedere, enormi travi in cemento grezzo che fluttuano sopra la vostra testa.

E anche la terza stazione Rakoczi tér è di grande impatto visivo progettata invece da Palatium Studio Ltd. Pochissimi anni fa.

7 per vedere il Mercato Centrale di Nagycsarnok { tanto è al coperto e su tre piani }

Ho una predilezione per i mercati coperti dove carni, dolci, caramelle, caviale, spezie, cioccolato e verdure vengono esposte in bella mostra!

Questo è il meraviglioso Mercato Centrale costruito nel 1897 e situato alla fine della famosa via dello shopping Váci utca e in corrispondenza del Ponte della Libertà.

8 per mangiare & bere al caldo nei locali

la lista dei ristoranti sarebbe lunghissima, perché Budapest offre una varietà e una miriade di caffetterie, ristoranti e locali dove mangiare e bere, per qualsiasi tasca e fascia di prezzo, dal lussuoso al più piccolo locale lungo la strada.

Soprattutto carne, come il tipico Gulasch, la zuppa del mandriano, e bere ottimo vino, il fruttato e dolce Tokaij … buonissimo per un aperitivo!

9 per visitare i musei

Per chi ha voglia di avere uno sguardo sulla storia recente di Budapest vi consiglio la visita di Terror Haza , la sede del museo è l’edificio che venne usato come quartier generale della polizia politica prima in epoca nazista e poi comunista. Non è una visita “piacevole” come lo sono altri musei, ma proprio perché testimonia le conseguenze dei regimi che oppressero l’Ungheria, sarebbe da vedere.

e l’Ospedale nella Roccia Nuclear Bunker Museum situato nei sotterranei della collina del Castello di Buda, testimonia l’intensa attività dell’ospedale durante la seconda guerrra mondiale e durante la rivoluzione del 1956. Interessantissimo! Labirinti, corridoi e impianti tecnici perfettamente mantenuti, e “arredati” con molte figure in cera che ricostruiscono scene di utilizzo dell’ospedale.

10 per i parchi e i molti fioristi

… ma questo ve lo racconterò sulle pagine di Blossom zine numero Spring

Dana 🙂

 

 

 

 

Scarica, gusta, sfoglia, mangia Blossom zine
https://issuu.com/blossomzine
Una rivista di fiori e piante come non l'avete mai vista!

You may also like...

2 Responses

  1. gennaio 21

    […] mai pensato a una torta {leggermente piccante}con la PAPRIKA? il viaggio a #Budapest mi ha fatto scoprire la paprika […]

  2. gennaio 23

    […] inizio gennaio sono stata a Budapest, leggi QUI cosa ho visitato in 3 giorni durante questo gelido […]

Lascia un commento