Villa Arconati

Villa Arconati è una tra le più maestose Ville di delizia di Milano, sorge nel Parco delle Groane nella frazione di Castellazzo a Bollate.

villa arconati

Soprannominata la piccola Versailles di Milano per lo splendore e l’imponenza, è immersa in un parco che si estende su una superficie di 12 ettari e comprende anche il bosco nel quale un tempo i nobili praticavano la caccia.

villa arconati

L’importante progetto di restauro è promosso dalla Fondazione Augusto Rancilio e da molti volontari che stanno cercando di riportarla allo splendore di un tempo con un bellissimo percorso di visite guidate.

villa arconati

Visiterete gli appartamenti del piano nobile, potrete visitare la biblioteca, la splendida sala dei ricevimenti, lo scalone d’onore, le stanze di Giuseppe Arconati come la stanza rosa e il retrostante studiolo turchino.

villa arconati

 

 

Potrete “perdervi” all’intero del giardino monumentale dove i giochi d’acqua che allietavano le passeggiate dei nobili vi riporteranno ai fasti del passato di questa meravigliosa dimora.

Durante i mesi di apertura inoltre vi sono una serie di attività, dal Festival di Villa Arconati con musicisti di fama nazionale e internazionale agli eventi teatrali e di spettacolo.

villa arconati

villa arconati

Per eventi privati si possono addirittura affittare alcune stanze, sia per matrimoni che per shooting fotografici, e non ultimo una curiosità vi hanno girato anche alcuni film.

“Notti e nebbie” di Marco Tullio Giordana  / “Sogno di una notte d’estate” di Gabriele Salvatores / “Sessomatto” di Dino Risi / “La morte accarezza a mezzanotte” di Luciano Ercoli

http://www.squadravolanteligera.com/villa_arconati.htm

villa arconati

Io ho avuto la fortuna di ammirare Villa Arconati assieme ad una guida all’interno di una visita promossa da Grandi Giardini Italiani  il network che riunisce i più bei giardini visitabili d’Italia, di cui questa splendida dimora fa parte.

villa arconati

 

Il giardino all’italiana

La prima pietra della parte di giardino all’italiana è stata posata a partire dal 1600 quando la villa fu trasformata da cascinale di campagna a villa di Delizia.

Galeazzo Arconati, cugino del cardinale Federico Borromeo, comincia a strutturare il giardino in questa porzione di parco realizzando magnifici giochi d’acqua seguendo il Codice Atlantico, la più ampia raccolta di disegni e scritti di Leonardo da Vinci oggi conservato alla Biblioteca Ambrosiana di Milano.

villa arconati

La parte di giardino all’italiana è strutturata con quinte di verzura ( Carpinus betulus )

che schermano dal sole e portano la frescura e indirizzano la vista nelle prospettive che si intersecano tra di loro.

Queste prospettive tendenzialmente conducono ad una statua o ad un gruppo scultoreo che sono solitamente definiti “teatri “ ovvero luoghi di sosta in cui a volte si recitava e a volte ci si incontrava.

villa arconati

Vi troviamo quindi : il teatro di Ercole, il teatro di Andromeda, il teatro di Pompeo, il teatro grande, e non ultimo il teatro di Diana che è quello più importante che infatti si trova sulla prospettiva principale in onore alla Dea della caccia.

villa arconati

“…È del poeta il fin la meraviglia…” questa era la caratteristica di una Villa di Delizia.

villa arconati

Nella parte del giardino all’italiana più distante dalla villa, vi era la voliera che è arrivata a noi intatta; serraglio degli uccelli esotici come gli struzzi, già presenti nel 1700, a dimostrazione dell’internazionalità degli Arconati.

Ma non solo, splendido esempio di questa continua volontà di stupire è anche la Torre delle acque, che serviva a convogliare l’acqua dal sottosuolo ai vari giochi d’acqua; con i suoi strumenti meccanici complicati, era una delizia per gli ospiti.

Infine la Limonaia e il giardino dei limoni servivano per incantare gli ospiti con frutti e piante esotiche, anche con rinfrescanti sorbetti.

villa arconati

Successivamente, verso la metà del settecento, il giardino venne ristrutturato e ampliato, Giuseppe Antonio Arconati, amante del teatro, terminata la realizzazione dell’ultima ala a sud-ovest, sentì la necessità di riordinare lo spazio esterno prospiciente a questa nuova costruzione.

Furono spostate alcune statue, il Pompeo Magno che si trovava all’esterno viene quindi spostato all’interno della villa e in base alla moda dell’epoca del giardino alla francese, realizzò un grande prato dove lo sguardo si sposta verso l’infinito, in questo caso verso la città di Milano.

villa arconati

A completare il giardino lo spazio venne abbellito da alte decorazioni vegetali come i due maestosi filari di alberi di carpino topiati a foggia di ballerina.

villa arconati

Mi piacerebbe tornare in autunno quando c’è la stagione del foliage e le piante si colorano di arancio e rosso!

Per chi fosse interessato questo è l’elenco delle piante presenti nel parco:

Acer campestre

Acer pseudoplatanus

Aesculus hippocastanum

Aucuba japonica

Carpinus betulus

cornus sanguinea

Frangula alnus

Fraxinus excelsior

Liquidambar styraciflua

Prunus avium

Prunus laurocerasus

Prunus serotina

Quercus robur

Quercus rubra

Salix cinerea

Tilia cordata

Ulmus minor

Vinca major

Vinca minor

villa arconati

 

 

 

Scarica, gusta, sfoglia, mangia Blossom zine
https://issuu.com/blossomzine
Una rivista di fiori e piante come non l'avete mai vista!

You may also like...

Lascia un commento