Home architettura; giardini Grey Gardens: l’eccentrica vita di Big e Little Edie Bouvier

Grey Gardens: l’eccentrica vita di Big e Little Edie Bouvier

Edith Ewing Bouvier Beale (1895-1977), nota come “Big Edie”e sua figlia Edith Bouvier Beale (1917-2002), conosciuta come “Little Edie”, sono state la zia e la cugina di primo grado, dell’ex First Lady Jacqueline Kennedy Onassis. Le due donne hanno vissuto per anni a Grey Gardens , nell’East Hampton New York, con risorse economiche limitate e nello squallore e nell’isolamento più totale.

Albert e David Maysles si interessarono alla loro storia e filmarono un documentario sulla loro condizione di vita. La loro tecnica cinematografica da documentario ha permesso alle donne di raccontare le proprie storie in prima persona.

il film Grey Gardens è del 1975 e lo potete noleggiare qui https://dvd.netflix.com/Movie/Grey-Gardens/70020235

esiste anche in versione BLU- RAY

 

 

Grey Gardens: l’eccentrica vita di Big e Little Edie Bouvier

tutte le foto di  cotedetexas.blogspot.com
 
 
la storia: 
 
La casa era stata progettata nel 1897 da Joseph Greenleaf Thorpe e acquistata nel 1923 da “Big Edie” e suo marito Phelan Beale.
 
Dopo che Phelan lasciò la moglie, “Big Edie” e “Little Edie” hanno vissuto qui per decenni.
 
La casa è stata chiamata Grey Gardens a causa del colore delle dune, delle mura di cemento del giardino e del colore del mare.
 
 
 
Nell’autunno del 1971 e tutto 1972, le loro condizioni di vita erano pessime, la loro casa era infestata da pulci, abitata da numerosi gatti e procioni, prive di acqua corrente e piena di immondizia e degrado, sono state pubblicate in un’articolo del National Enquirer
 
e finirono addirittura sulla copertina del New York Magazine. link qui https://nymag.com/news/features/56102/
 
 
 
 
 
Durante l’estate del 1972 Jacqueline Onassis e sua sorella Lee Radziwill fornirono i fondi necessari per restaurare la casa fatiscente.
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

se ti piaccioni i DOCUMENTARI ti consiglio anche questi due: quello su Dries Van Noten e quello di Manolo: The Boy Who Makes Shoes For Lizards