Home arte Parliamo di bouquet reali e virtuali ( NFT ) con Florilia

Parliamo di bouquet reali e virtuali ( NFT ) con Florilia

Florilia è un’attività nascente, fresca, di design floreale, i cui lavori si ispirano alla natura spontanea dalla quale Mirco ed Elia, con rispetto, raccolgono alcuni degli elementi vegetali che utilizzano nei loro lavori unici e ricercati. Altri fiori, invece, vengono coltivati nei propri giardini privati, con l’obiettivo di aprire una vera e propria flower farm nel prossimo futuro.  

La filosofia di Florilia si basa, oltre che sull’unicità delle composizioni, tutte proposte in vasi e contenitori differenti, sulla stagionalità del materiale vegetale, utilizzando ciò che di naturale fiorisce nelle varie stagioni, evitando l’importazione di fiori prodotti a migliaia di km di distanza.

I lavori proposti sono caratterizzati da uno stile libero, imperfetto, ma al contempo leggero ed elegante.

Per rendere ancor più esclusiva la propria offerta, Mirco ed Elia sono tra i primi al mondo ad aver proposto alcune loro creazioni in formato digitale, sotto forma di NFT (Non Fungible Token), cioè un certificato digitale in grado di attestare l’unicità e la proprietà di un’opera d’arte digitalizzata.

Con questa decisione Florilia vuole proporre mazzi di fiori, ovviamente digitali, che il pubblico può acquistare sulla piattaforma Opensea, conservare o regalare inviandoli ad altre persone in qualsiasi parte del mondo.

NFT FLORILIA COS’E’

Ad oggi può sembrare strano, siamo d’accordo che un bouquet dal vivo doni delle sensazioni diverse, ma questa nuova possibilità può dare un valore emotivo mai sperimentato prima, comunque rispettabile, ottenuto con gli stessi valori aziendali oltre ad avere un valore economico che potrà anche aumentare nel tempo.

Le creazioni floreali, già in origine realizzazioni uniche, vengono fotografate in studio e caricate sulla rete Polygon, un’alternativa eco-friendly rispetto ad altre blockchain.

L’acquirente deve possedere un portafoglio digitale di criptovalute per poter pagare in Ethereum l’opera. A questo punto diventa l’unico o uno dei pochi detentori certificati da questa tecnologia.

Il file può essere così conservato o trasmesso ad altri indirizzi che decideranno se mantenere la “foto” solamente nel proprio “wallet” o stamparla rendendola fisica. Attenzione però, l’unica opera ad avere valore è quella digitale, legata alla blockchain.

Al momento hanno dato vita a due serie:

la prima è “nonflowflowers” (fiori che se ne vanno), caratterizzata da opere fotografiche pari al vero a tiratura limitata – 50 o 100 pezzi – a prezzi accessibilissimi – si parla di una cifra tra i 20 e 50 euro, che varia in base al valore della criptovaluta Ethereum.

La seconda serie, i “crypto-flowerz”, è costituita da pezzi unici (1/1) da un richiamo psychedelic-pop, proposti a valori più elevati (1-5 Ethereum). 

Le opere digitali NFT di Florilia sono disponibili sulla piattaforma Opensea sulla pagina personale di Florilia o digitando i nomi delle collezioni, “nonflowflowers” e “crypto-flowerz”.

LINK QUI

https://opensea.io/collection/nonflowflowers-1

https://opensea.io/collection/nonflowflowers

Nuove grafiche, tecniche e prodotti sono in fase di sperimentazione per garantire opere sempre più dettagliate e “tridimensionali”.

Segui florilia su Instagram alla pagina floriliaflowers

Mirco Colzani GARDEN & LANDSCAPE DESIGNER